L’etica del parcheggio abusivo: Bucciarelli. Audiodrammi a teatro

L'etica del parcheggio abusivo

L’etica del parcheggio abusivo

Dopo aver assistito alla rappresentazione Il giardino di Gaia di Carlotto sono tornata all’Elfo per vedere e sentire l’audiodramma di Elisabetta Bucciarelli: L’etica del parcheggio abusivo.

Il progetto Autorevole, a cura di Sergio Ferrentino (ideatore e ex conduttore di Caterpillar) e Fonderia Mercury, mette in scena dei radiodrammi, scaricabili in podcast, proprio come quelli che un tempo si ascoltavano alla radio. Gli spettatori assistono a teatro alla registrazione dello spettacolo. Muniti di cuffie, in assoluto silenzio si ascoltano voci, effetti sonori, musiche dal vivo, come se fossero in un vero e proprio studio di registrazione. E soprattutto: niente applausi, tosse, movimenti strani sulle sedie, rumori di vario genere.

L’etica del parcheggio abusivo è una pièce interamente giocata sulle parole e sulle figure retoriche: metonimie, metafore, ossimori, palindromi, mesostici.
Il titolo in sé già contiene un ossimoro: come può essere infatti etico un parcheggio (e un parcheggiatore) abusivo?
Al centro dello spettacolo c’è un personaggio assente, IL MARIO, parcheggiatore abusivo che usa dei criteri anomali per la “gestione” degli spazi. Solo a chi è in grado di superare la domanda del giorno avrà accesso all’agognato parcheggio. E non si tratta di una domanda semplice: bisogna creare o citare un ossimoro, una metafora, un palindromo. Non tutti riescono. Qualcuno si prepara, qualcuno bara, qualcuno rinuncia.

Nella piazza di Milano, all’ombra della grande Quercia, un ispettore di polizia indaga sulla “scomparsa” del MARIO, interroga i personaggi  che ruotano attorno a lui. C’è la Bellezza Ordinaria, c’è Suvman, c’è la trans Cabiria, c’è il Bancario con tutti gli stereotipi del genere e c’è Olga, personaggio fuori dagli schemi che la Bucciarelli fece comparire nel suo libro Femmina De Luxe. Olga è una donna dalla forme grandi, un po’ naif, amante del MARIO. Olga è un “prodotto di nicchia”, dolce, divertente e, nonostante le sue forme (la appellano Moby Dick, Zeppelin, Mongolfiera)  persino vaporosa.  Un personaggio a cui mi sono affezionata.

Questo della Bucciarelli è un Audiodramma a teatro  con toni da commedia: nonostante si stia indagando su personaggio assente e probabilmente morto,  il tono è lieve e in alcuni punti umoristico.

L’ispettore giungerà a una conclusione surreale e inattesa. In mezzo al frastuono della città, al traffico e alla confusione esiste un’oasi in cui è il gioco, la parola, ad essere vincente. O perdente. Come IL MARIO.

L’autorice: Elisabetta Bucciarelli
Il libro/ebook/audiolibro/opera teatrale: L’etica del parcheggio abusivo
Bacino d’utenza: questo di Fonderia Mercury è un progetto dalle molteplici possibilità. Lettura, ascolto, visione e ascolto teatrale. E’ un iniziativa che mi ha intrigato profondamente. Vedere, ascoltare, scaricare. Lo consiglio a chi ha voglia di godersi a teatro uno spettacolo insolito. Potete scaricare qui, a pagamento, tutti gli Audiodrammi a teatro degli spettacoli già messi in scena.
Aggiornamento febbraio 2013: E’ uscito l’ebook del testo per la collana Zoom di Feltrinelli a 0,99 euro.

Annunci

5 commenti

  1. Ahi ahi, non mi farebbero mai entrare in sala, in questo periodo non faccio che starnutire e tossire… Fortuna che si possono recuperare le registrazioni. Buona giornata 🙂

    Mi piace

    1. E’ vero 😉 Io mi sono portata un pacchetto di gomme da masticare sapendo cosa mi aspettava. Però devo dire che questo genere di spettacoli è molto più breve di un normale spettacolo teatrale. In un’ora tutto finito!

      Mi piace

  2. Un’ora e 14 minuti per la precisione 😉
    un abbraccio e grazie 🙂
    Liz

    Mi piace

  3. […] Olga è un personaggio a cui sono molto affezionata che compare la prima volta in “Femmina de luxe” (Perdisa editore) e successivamente in “L’etica del parcheggio abusivo” (Feltrinelli editore). […]

    Mi piace

  4. L’ho visto qualche giorno fa al Cortona Mix Festival: originale e curioso. Mi sono divertita un sacco, ma, confesso, non sono riuscita a restare immobile!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: