Anyi Wang: La canzone dell’eterno rimpianto

La canzone dell'eterno rimpianto

La canzone dell’eterno rimpianto

Prima di questo libro di Anyi Wang, secondo il retro di copertina una delle autrici cinesi più note, non avevo mai letto nessu autore cinese. E devo ammettere che non è stato facile entrare nel ritmo del libro che è lento ed estramente descrittivo.
La prima parte poi – una descrizione particolareggiate dei vicoli di Shangai, porte, finestre, panni stesi al sole, profumi e colori- è così lenta che ho pensato seriamente di mollare il libro.

Invece poco a poco “La canzone dell’eterno rimpianto” ti conquista. E’ la storia della vita di Wang Qiyao dai suoi 16 anni alla morte: la sua elezione a “bellezza di Shangai” prima dell’avvento del Comunismo, i suoi amori, le amicizie, la nascita della figlia, la sua professione di infermiera.  Mi è parso quasi di guardare un dipinto cinese dove ogni oggetto è pieno di particolari ma è tutto molto piatto, quasi senza prospettiva.

Allo stesso modo nel libro i particolari si sprecano: vengono descritte le sfumature dei fiori sui vestiti, le ombre degli alberi nei vicoli, i voli degli uccelli, gli intarsi sulle scatole dei gioielli. Manca la profondità alla quale il romanzo occidentale dall’800 ad oggi ci ha abituato: la psicologia dei personaggi è solo abbozzata ma stati d’animo e sentimenti si devono dedurre dai dettagli esteriori, dalle espressioni descritte, dai movimenti corporei, dalle variazioni dei discorsi, dai mutismi dei personaggi, dai cambiamenti climatici.

Sono arrivata fino in fondo e, devo dire, in certi momenti mi è piaciuto davvero. E’ stato come entrare in un mondo sconosciuto e coglierne paesaggi e costumi, assaporarne i gusti (la cucina e la convivialità hanno una parte importante nella vita della protagonista), respirarne gli odori.
E’ un libro interessante, per me il primo libro di un’autrice cinese. Non so dire se altri ne seguiranno.

Il libro: La canzone dell’eterno rimpianto
L’autrice: Anyi Wang
Il bacino d’utenza: lettori curiosi di conoscere costumi e usanze di paesi lontani da noi sia geograficamente sia culturalmente. Con un po’ di coraggio e qualche pagina saltata riuscirete a superare la miriade di particolari ed addentrarvi nella vita della “bellezza di Shangai” mai sguaiata, sempre composta ed elegante, misurata, morigerata. Come non identificarmi… chi mi conosce lo sa bene 😉

Annunci

9 commenti

  1. Un romanzo fuori dal coro, geograficamente e stilisticamente parlando. Mi sembra di intuire che sia una lettura a tratti faticosa ma che ripaga dello sforzo di immedesimazione. Io ho letto solo un libro di racconti di un autore cinese “Una canna da pesca per mio nonno” di Gao Xingjian. Me l’aveva passato mio fratello dicendomi “vedi un po’ se tu riesci a leggerlo”. Totalmente incomprensibile! Uno stream of consciousness in stile cinese direi… Il tuo romanzo mi sembra più abbordabile.

    Mi piace

    1. Si, sicuro. E’ un libro lento ma scorrevole. Sono io che ho una certa idiosincrasia per le descrizione dettagliate perché sostengo da sempre che tolgano il sublime piacere di immaginare personaggi e ambienti come pare a me!

      Mi piace

  2. Sai che recuperando il mio magico libretto con i libri letti ho scoperto di avereall’attivo ben due romanzi di autori cinesi? Balzac e la piccola sarta cinese, che non mi era neppure dispiaciuto e il famosissimo Cigni selvatici che è una saga familiare di tipo autobiografico piuttosto densa e di non facilissima lettura. Di solito anche io non amo le descrizioni troppo insistite ma neppure certe digressioni filosofiche che caratterizzavano alcune pagine di Mann e dei russi.

    Mi piace

  3. Non ho letto libri di cinesi (ammetto la mia ignoranza) e non amo neppure le descrizioni troppo dettagliate, però forse questo può essere una …prima volta!

    Mi piace

    1. Neppure io conosco la letteratura cinese, ho letto molte più cose giapponesi e le ho trovato meno distanti dal modo occidentale di intendere la letteratura. questo non è un mattone, ecco. Magari c’è di meglio ma potrebbe esserci anche qualche libro molto più indigesto!

      Mi piace

      1. Grazie per la tua precisazione!

        Mi piace

  4. mmmmm….non mi hai convinto (data anche la mia totale incapacità a saltare le pagine)! Forse in un altro momento della vita, con più capacità di concentrazione.

    Mi piace

  5. Grazie per avermi fatto conoscere questo libro. Sono un pò ferma dal leggere i libri che parlano di Cina e/o scrittori cinesi e del Sol Levante, in generale. Amo molto i film di questa parte del mondo.

    Hanno un loro modo particolare di soffermarsi sui dettagli, che mi piace molto.

    A presto.

    Mi piace

    1. Grazie Lena. Come dicevo nel post è difficile entrare nel ritmo, a volte un po’ lento e descrittivo ma poi ne apprezzi i particolari…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: