Zingari di merda: Antonio Moresco

Zingari di merda
Zingari di merda

Il titolo non è certo fatto per passare inosservato. e infatti a casa mia così è stato, con mio figlio che mi guardava con aria fra lo sconvolto e l’interrogativo alla vista della copertina.

Sì, zingari di merda è un epiteto che gli zingari in Italia si sentono rivolgere talmente spesso che Dimitriu lo usa per indicare tutti gli appartenenti allo stesso suo gruppo: “ecco, quello è uno zingaro di merda”, con una tono fra la sfida e l’ironia spiazzante.

Dimitriu è il rom che accompagna il giornalista Antonio Moresco e il suo amico fotografo Giovanni Giovannetti in un viaggio a ritroso sulle orme delle migrazioni rom. A bordo di un’auto tedesca di grossa cilindrata ma vecchia e scassata, come da cliché, Antonio Moresco cerca di ritrovare in Romania il punto di partenza di queste ondate migratorie, alla ricerca di una spiegazione e di un fattore che accomuni persone molto diverse fra loro: chi sono i rom, come vivono, cosa fanno per sopravvivere, esistono delle strutture giuridiche o statali per indicarli.

Moresco cerca di rispondere a queste domande, senza pregiudizi, senza santificazioni. Riconosce le difficoltà di integrazione fra un popolo anarchico e con etica propria. Un popolo che non ha mai avuto uno stato, mai un esercito, non ha mai dichiarato una guerra a nessuno. Perché le ondate migratorie hanno interessato l’Europa in tutti i secoli del passato – Greci, Fenici, Goti, Longobardi, Unni, Arabi, Spagnoli – eppure tutti a un certo punto si sono fusi, assimilati, sono entrati a far parte delle strutture giuridiche. Questo non è accaduto per i rom, che nella loro migrazione sono partiti millenni fa dall’India e sono sempre rimasti ai margini di tutte le società.

Un breve saggio, a metà fra il racconto di viaggio e il reportage: io l’ho trovato istruttivo. Il ritratto di questo popolo non è certo edulcorato e Moresco descrive povertà, squallore, violenza, furti e persino prostituzione dei propri figli. Un vero pugno nello stomaco. Necessario per comprendere e cercare di capire.

Il libro: Zingari di merda
L’autore: Antonio Moresco
Il bacino d’utenza: chi è spinto dalla curiosità e vuole conoscere qualcosa in più di quel popolo enigmatico che incrociamo ogni giorno ai semafori, alle fermate della metro, nei campi ai margini delle città. Senza giudicare, solo per cercare di capire. Il pdf del libro lo potete scaricare qui, senza le foto finali di Giovanni Giovannetti.

Annunci

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...