Un signore maturo con un orecchio acerbo : Gianni Rodari

Gianni Rodari

Gianni Rodari

Un giorno sul diretto Capranica-Viterbo
vidi salire un uomo con un orecchio acerbo.

Non era tanto giovane, anzi era maturato
tutto, tranne l’orecchio, che acerbo era restato.
Cambiai subito posto per essergli vicino
e potermi studiare il fenomeno per benino.

Signore, gli dissi dunque, lei ha una certa età
di quell’orecchio verde che cosa se ne fa?
Rispose gentilmente: – Dica pure che sono vecchio
di giovane mi è rimasto soltanto quest’orecchio.
È un orecchio bambino, mi serve per capire
le voci che i grandi non stanno mai a sentire.
Ascolto quel che dicono gli alberi, gli uccelli,
le nuvole che passano, i sassi, i ruscelli.
Capisco anche i bambini quando dicono cose
che a un orecchio maturo sembrano misteriose.

Così disse il signore con un orecchio acerbo quel
giorno, sul diretto Capranica-Viterbo.

Gianni Rodari
(Un signore maturo con un orecchio acerbo
in Parole per giocare, Manzuoli, Firenze, 1979)

Annunci

13 commenti

  1. Ma che bella! Questa mi mancava, Rodari riesce sempre a dire verità sacrosante sorridendo e sdrammatizzando con le rime 🙂

    Mi piace

    1. Devo ringraziare te e il discorso sui libri per bambini! È sempre divertente e attuale.

      Mi piace

  2. Quante volte lo leggevo nel letto alla mia bipede!!

    Mi piace

    1. Pure noi! I miei ancora continuano a crogiolarsi nel letto al suono della mia voce che legge Rodari, ma credo che mi vorranno ancora per poco. Peccato, è uno dei rari momenti della giornata in cui ci liberiamo della palla!!

      Mi piace

      1. La mia non mi vuole più ormai da qualche anno (ne ha quasi 15) e dico purtroppo!!!!!!!

        Mi piace

      2. Però legge da sola? Ho tanta paura che senza il mio sostegno l’impalcatura non regga. Ma forse sono pessimista. Vedremo prossimamente. Il bipede settenne promette meglio in questo senso del novenne.

        Mi piace

      3. Ha smesso per qualche anno di leggere anche perchè a scuola la lettura non era contemplata. Ora ha ripreso ma a fatica perchè è costretta prima a leggere per dovere (libri terribile) e poi per piacere! Ma dovendo studiare un sacco di ore….legge molto in estate!

        Mi piace

  3. Rime che esprimono arguzia e leggerezza.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

    Mi piace

  4. icittadiniprimaditutto · · Rispondi

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  5. Meraviglia, attuale … posso rebloggare?

    Mi piace

    1. Certo che sì!

      Mi piace

  6. straordinaria

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: