Adele Marini – A Milano si muore così

A Milano si muore così

A Milano si muore così

A Milano la mafia esiste ed è ben infiltrata ma, se qualcuno ancora avesse dei dubbi, dovrebbe leggere il bel noir di Adele MariniA Milano si muore così.

E’ un esempio di non-fictional novel, una trama che attinge alla realtà senza essere del tutto vera. Nomi e date cambiati, episodi in parte frutto di invenzione, ma non si può non notare, nel lavoro di della giornalista e scrittrice, un’accuratezza nella ricerca che rende tutto vivido e reale.

Il commissario Vincenzo Marino, napoletano trapiantato a Milano, indaga su una strage che sembra frutto di dissapori familiari. Non è così, alle morti crudeli e innocenti se ne aggiungono altre, apparentemente disconnesse l’una dall’altra. Il filo logico che lega la scia di delitti è la ‘ndrangheta, così ben infiltrata nella realtà metropolitana da sembrare invisibile.

Il colpevole verrà individuato, come è logico che sia in un noir, ma l’amarezza di Vincenzo Marino di fronte alla violenza, all’orrore, al sangue è molto vicina a quella che può provare un commissario che a Milano indaga su delitti di ‘ndrangheta. Per ogni piccolo tassello di giustizia si apre un buco nero di illegalità.

Quello che colpisce di più è la conoscenza approfondita della giornalista-scrittrice di rituali, gerarchie, metodi di riunione e prassi di comunicazione. Lo scenario nel quale si muovono i personaggi di Adele Marini non è frutto di invenzione.

Nell’illuminante appendice si trovano infatti gli stralci di un procedimento penale che descrive l’organizzazione quasi primordiale fatta di gerarchie, investiture, macchie d’onore e infamità.

Vi sorprenderete a pensare che questo mondo arcaico e crudele è proprio qui, a due passi da noi.

Il libro: A Milano si muore così

L’autrice: Adele Marini

Il bacino di utenza: appassionati di non fictional novel, italiani ancora dubbiosi della presenza di infiltrazioni mafiose al nord Italia, lettori amanti del genere noir.

Una piccola nota: la casa editrice è piccola (genovese) e va supportata anche se non guasterebbe un poco di attenzione in più agli errori di battitura!

Annunci

3 commenti

  1. Mi piace questa tua omonima 😉

    Mi piace

    1. Vero 🙂
      Per chi è milanese é ancora più interessante!

      Mi piace

  2. […] 2012: Un giallo verità che è anche un’inchiesta su rituali, gerarchie, metodi di riunione e prassi di comunicazione della ‘ndrangheta trapiantata a Milano. Coinvolgente e accurato. Da non perdere l’appendice.  Qui una rece più approfondita […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: