Adele Marini – A Milano si muore così

A Milano si muore così
A Milano si muore così

A Milano la mafia esiste ed è ben infiltrata ma, se qualcuno ancora avesse dei dubbi, dovrebbe leggere il bel noir di Adele MariniA Milano si muore così.

E’ un esempio di non-fictional novel, una trama che attinge alla realtà senza essere del tutto vera. Nomi e date cambiati, episodi in parte frutto di invenzione, ma non si può non notare, nel lavoro di della giornalista e scrittrice, un’accuratezza nella ricerca che rende tutto vivido e reale.

Il commissario Vincenzo Marino, napoletano trapiantato a Milano, indaga su una strage che sembra frutto di dissapori familiari. Non è così, alle morti crudeli e innocenti se ne aggiungono altre, apparentemente disconnesse l’una dall’altra. Il filo logico che lega la scia di delitti è la ‘ndrangheta, così ben infiltrata nella realtà metropolitana da sembrare invisibile.

Il colpevole verrà individuato, come è logico che sia in un noir, ma l’amarezza di Vincenzo Marino di fronte alla violenza, all’orrore, al sangue è molto vicina a quella che può provare un commissario che a Milano indaga su delitti di ‘ndrangheta. Per ogni piccolo tassello di giustizia si apre un buco nero di illegalità.

Quello che colpisce di più è la conoscenza approfondita della giornalista-scrittrice di rituali, gerarchie, metodi di riunione e prassi di comunicazione. Lo scenario nel quale si muovono i personaggi di Adele Marini non è frutto di invenzione.

Nell’illuminante appendice si trovano infatti gli stralci di un procedimento penale che descrive l’organizzazione quasi primordiale fatta di gerarchie, investiture, macchie d’onore e infamità.

Vi sorprenderete a pensare che questo mondo arcaico e crudele è proprio qui, a due passi da noi.

Il libro: A Milano si muore così

L’autrice: Adele Marini

Il bacino di utenza: appassionati di non fictional novel, italiani ancora dubbiosi della presenza di infiltrazioni mafiose al nord Italia, lettori amanti del genere noir.

Una piccola nota: la casa editrice è piccola (genovese) e va supportata anche se non guasterebbe un poco di attenzione in più agli errori di battitura!

Annunci

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...