L’evoluzione di Calpurnia – Jacqueline Kelly

L'evoluzione di Calpurnia
L’evoluzione di Calpurnia

1899, Fentress, Texas.

Calpurnia, undicenne quasi dodicenne, è l’unica femmina dei sette figli della famiglia Tate, proprietari terrieri texani e coltivatori di noci pecan. Un’infanza felice la sua, passata giocando con i fratelli, a mollo nel fiume,  e immersa nell’osservazione della rigogliosa natura che la circonda.
Gli interessi di Calpurnia, risvegliati e nutriti dal nonno naturalista, si muovono fra lo studio della botanica, l’allevamento e l’osservazione degli insetti e i tentativi, condotti in compagnia dell’eccentrico nonno, di produrre un whisky distillato dalle noci pecan.
Ci sono i giochi con la sua migliore e graziosa amica, Lula, che farà innamorare ben tre dei suoi fratelli. Ci sono i saggi di pianoforte e le Fiere di Fentress, le feste di compleanno e gli amori del fratello maggiore Harry.

Ma i dodici anni segnano in qualche modo la fine della sua infanzia, e l’inizio della sua educazione “femminile”: cucito, ricamo, cucina, pianoforte.

Calpurnia sente di appartenere una specie diversa, quella di Marie Curie e di altre donne che, come lei, dedicano la vita alla SCIENZA.

Mio nonno mi aveva dato da leggere il libro del signor Darwin. Mi aveva dato la possibilità di una vita diversa. Ma queste cose non importavano più. Al loro posto per me c’era La Scienza del Governo della Casa. Ero cieca; ero patetica. Stavamo per cambiare secolo, ma la mia piccola vita non sarebbe cambiata.

Se Calpurnia Tate riuscirà a seguire il suo sogno, frequentare l’università e diventare una scienziata non è dato sapere perché il romanzo copre solo un breve tratto della vita della giovane. E’ inutile dire da che parte si schiera il lettore, e da che parte si schiereranno i ragazzini e le ragazzine che sono i veri destinatari di questo romanzo.

Il libro: L’evoluzione di Calpurnia
L’autrice: Jacqueline Kelly
Il bacino d’utenza: destinato a un pubblico di ragazzi, questo è un romanzo godibilissimo anche dagli adulti. Per chi, in ogni contesto e in ogni epoca, si è sentito un diverso. Per chi si è identificato nella Jo di Piccole donne. Per chi ama la scienza come le lettrici del mio amato blog Parla della Russia che mi hanno (stra)consigliato il libro!

Annunci

14 commenti

    • Jack e Jill non ho avuto più il coraggio di rileggerlo ma era davvero il io libro preferito. Calpunia è molto carino. Mi sto appassionando alla lettura per ragazzi. Ora con il figlio piccolo sto leggendo Skelling!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...