Il buco che ho nel cuore ha la tua forma – Eleonora Molisani

Il buco che ho nel cuore ha la tua forma

Il buco che ho nel cuore ha la tua forma

Un titolo efficace e riconoscibile, da un verso di Jeanette Winterson, per la raccolta di racconti Il buco che ho nel cuore ha la tua forma edita da Priamo – Meligrana Editore.
Quelli scritti da Eleonora Molisani sono ventidue brevissimi racconti a effetto; poche pagine per illuminare frammenti di vita e storie che sembrano uscire dalle pagine di cronaca nera. C’è un intero catalogo di figure umane: la ragazza viziata che usa gli uomini come oggetti, la prostituta, le figlie vittime di un padre padrone, gli amanti perduti e figli mai nati, il disabile, il malato terminale.

Eleonora prende la cronaca e la strapazza, la shackera e la mescola per creare un vero cocktail di comportamenti deviati. Umorismo nero condito da finali spiazzanti che lasciano l’amaro in bocca, lo stesso che si può apprezzare nelle sarcastiche battute de Il punto G (Giornale Femminile singolare). La scrittrice, che si occupa d’attualità per il settimanale Tu Style, usa uno stile giornalistico e asciutto, brevi frasi spezzate, ritmo serrato.

Negli ultimi due racconti tono si fa più intimo. Ed è proprio là che le sue parole toccano il lettore nel profondo. Ed è da là che la Molisani dovrebbe ripartire per il suo prossimo romanzo. Speriamo a breve 🙂

Il libro: il buco che ho nel cuore ha la tua forma

L’autrice: Eleonora Molisani

Il bacino d’utenza: per gli amanti dei racconti brevi con ambientazione contemporanea. Il genere di riferimento è quello di Jack Ritchie o di Rohal Dahl, aspettatevi quindi ironia e humor amaro  a piene mani.

Annunci

2 commenti

  1. Il limite delle raccolte di racconti a mio parere è nel fatto che spesso non tutti i racconti sono di pari livello e finisce che se ne salvano davvero solo un paio. Non mi riferisco a questo libro che non ho letto ma che mi incuriosisce per il parallelismo con Dahl del quale apprezzo l’umorismo nero. Il titolo poi mi sembra ben riuscito.

    Liked by 1 persona

  2. Il titolo piace molto anche a me!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: