I pesci non chiudono gli occhi: poesia allo stato puro

I pesci non chiudono gli occhi

I pesci non chiudono gli occhi

Le parole incastonate nel romanzo come gemme preziose raccontano di una lontana estate, al limite fra infanzia ed adolescenza, nella quale De Luca incontrerà per la prima volta l’amore. Ma l’uso sapiente della parola che fa lo scrittore ti tiene avvinta alla pagina, ne rileggi i paragrafi solo per il gusto di ascoltare il suono delle parole che sembrano inanellate lì a caso e invece sono frutto di una ricerca e di un cesello costante. Il decenne Erri che trascorreva le sue mattine al mare risolvendo rebus e cruciverba, dall’enigmistica imparerà che “addestra all’esattezza del vocabolo e fornisce la dote giocoliera necessaria alle parole”.
A dieci anni ha imboccato questa strada e su questa ha continuato per tutta la vita giungendo alla maestria di questo libro, bello dall’incipit alla chiusa magistrale: “Adesso e qui sta bene la parola fine, sorella minore di confine e di finestra chiusa“.

Dilungarmi con vani commenti su questo libro – che è l’essenza della parola esatta – mi pare andare contro al pensiero di Erri De Luca. Potrei solo sottoporvi una lunghissima serie di frasi che ho sottolineato nella mia edizione, ma sarebbe inutile. Leggetelo, è un libro poetico, non ve ne pentirete.

Il libro: I pesci non chiudono gli occhi

L’autore: Erri De Luca

Il bacino d’utenza: tutti coloro che amano la bellezza ed il suono della lingua italiana, per lasciarsi trasportare da questo splendido breve romanzo. Lo consiglio particolarmente a chi come me ha origini campane, perchè il dialetto napoletano che a volte si incontra, dona grazia e delicatezza al libro.

Annunci

5 commenti

  1. Impossibile non leggere visto come ne parli.

    Mi piace

  2. Mariarosa · · Rispondi

    Reblogged this on LibriPensieri.

    Mi piace

  3. 🙂
    Liz

    Mi piace

  4. De Luca scrive come se dipingesse, i suoi libri sono acquarelli che affascinano e li leggo sempre con grande piacere.
    Questo forse l’ho apprezzato anche più degli altri perchè in certe pennellate ho ritrovato anche la mia adolescenza.

    Mi piace

    1. Io avevo letto molti anni fa un altro suo romanzo, credo fosse Aceto, arcobaleno ma non era piaciuto come questo. Ora sul mio comodino è già pronto In nome della madre.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: