Premio Mondello a Elizabeth Strout

Olive Kitteridge
Olive Kitteridge

Che bello avere amiche lettrici con le quali condividere libri, recensioni e presentazioni dei libri!
E’ proprio grazie al consiglio spassionato di un’amica che mi sono avvicinata a Elizabeth Strout, vincitrice con il suo libro Olive Kitteridge del Pulitzer 2009  e in Italia del Premio Bancarella 2010.
Olive Kitteridge è ambientato a Crosby nel Maine, quello di Miss Fletcher-la signora in giallo, per intenderci.
Tredici racconti, vari personaggi legati dallo sguardo indagatore e curioso di Olive Kitteridge, insegnante in pensione di matematica. Non è simpatica Olive, forse è pure un poco acida però questo la rende tanto più umana e reale. Un personaggio a tutto tondo che si svela a poco poco, grazie al racconto delle vite altrui.

In un bell’articolo su La lettura del Corriere, Paolo Giordano indica quali sono i motivi che lo hanno spinto ad indicare Elizabeth Strout come vincitrice del Premio Mondello all’autore straniero. Le parole usate da Giordno mi trovano completamente d’accordo:

Comunque stiano le cose, Elizabeth Strout se ne infischia. Scrive romanzi a tutto tondo, romanzi alla vecchia maniera eppure nuovi, romanzi corposi, classici, avvolgenti. Riduce la sperimentazione linguistica al minimo e non si concede alle mode, alle scorciatoie, al linguaggio televisivo o a costruzioni che non siano quelle proprie della letteratura. Si affida invece a un impianto collaudato da secoli di narrativa, ma ancora difficilissimo da sostenere, che sviluppa per cerchi concentrici: all’interno un personaggio e la sua famiglia, con tutti i drammi segreti che li legano; poi la comunità che li contiene, quella asfittica, provinciale e impietosa dei villaggi del Maine; in una circonferenza più ampia gli stravolgimenti portati dal progresso, e infine la Natura, che osserva tutti, immutabile, noncurante e bellissima.”

L’autrice: Elizabeth Strout
Il libro: Olive Kitteridge
Il bacino d’utenza: amanti dell’impianto letterario classico e delle storie dei sobborghi provinciali americani. Sonnacchiosi e tranquilli nascondono in realtà tensioni, legami e crudeltà.

Annunci

6 commenti

  1. letto il mese di febbraio..strano come è scritto..racconti in fondo collegati dalla protagonista comunque un interessante spaccato della vita americana e delle debolezze di ognuno di noi…vedi i dispetti alla nuora o l’accattazione di un uomo che non rientra negli schemi…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...