Niente di Janne Teller – Niente ha senso?

Niente
Niente

Esiste un significato nella vita? Per Pierre Anthon, ragazzo danese neppure quindicenne no, non esiste alcun significato. Quindi tanto vale passare la vita su un albero di prugne dileggiando i compagni di scuola e invitando loro ad aprire gli occhi di fronte alla realtà: “Non c’è niente che abbia senso, è tanto tempo che lo so. Perciò non vale la pena far niente, lo vedo solo adesso.”
I compagni di scuola decidono che il significato devono trovarlo a tutti i costi e per ognuno di loro il significato sarà diverso, in un escalation di richieste sempre più difficili, sempre più crudeli, sempre più violente. Una scala di orrori verso una “redenzione” finale: il significato DEVE ESISTERE e Pierre Anthon DEVE comprenderlo. Non svelerò la fine sorprendente.
Il libro esce in Italia ora Niente da Feltrinelli, è stato scritto nel 2000 ed era stato pubblicato da Fanucci nel 2004, dopo aver suscitato critiche e censure ma anche premi e lodi entusiastiche.

Per me Niente ha il tono della fiaba, di quelle fiabe cattive e crudeli come Hansel e Gretel o Pollicino. Le fiabe dove i bambini sono vessati e in pericolo, uccidono e vengono uccisi, rubano, deridono ma con l’arguzia e con la violenza riescono ad avere la meglio. I bambini non sono innocenti. Nel libro ho trovato tutto questo: derisione, ladrocinio, violenza, assassinio. Tutto con il tono lieve che contraddistingue le fiabe. Fiaba crudele e leggera al tempo stesso. L’ho letto d’un fiato, poi ho chiuso il libro e lo sguardo si è posato sui miei figli…

Il libro: Niente
L’autrice: Janne Teller
Il bacino d’utenza: i buoni lettori che non si lasciano spaventare dalle critiche e dalle censure perché non c’è Niente di cui stupirci. Davvero non c’è Niente che abbia senso?

Annunci

13 commenti

    • Mah, io ci ho visto molto della fiaba: i genitori solo sullo sfondo, il ragazzino che sta sull’albero di prugne senza che nessun adulto intervenga, l’escalation di richieste fatte dai ragazzini l’uno all’altro perchè ognuno si privi della cosa che per lui ha più significato, i furti e le violenze che avvengono all’insaputa di tutti gli adulti. Non mi pare veritiero, io ho riscontrato elementi di fiabesco e metaforico…non so se tutti lo leggeranno allo stesso modo!

      Mi piace

  1. Quale contesto migliore per raccontare l’orrore e gestire la paura se non nelle favole. Chissà se questo racconto della ricerca del senso dell’esistenza può dare sollievo alla frustrazione della mia, di ricerca…

    Mi piace

    • Non credo proprio; per gli adolescenti del libro, i “significati” andavano dalla bandiera danese ai sandali verdi con tacco al crocifisso via via sempre più in alto (o in basso) fino alle violenze fisiche.
      Comunque è un libro che ti fa pensare, dopo averlo chiuso ho riflettuto su cosa fosse per me il SIGNIFICATO e di cosa potrei privarmi per mostrare a tutti che c’è un significato. Di “cosa” che per me ha significato potrei davvero privarmi? La risposta è nel titolo del libro.

      Mi piace

  2. Ciao. Io l’ho letto così: I bambini hanno dovuto uccidere Pierre Anthon perché non sono riusciti ad ammettere che aveva ragione. C’è tutta la brutale immaturità dei bambini in questo, distruggo ciò che non comprendo ciò che non voglio ammettere sia vero.
    I bambini non hanno mezzi per difendersi dal nichilismo, bandire questo libro non serve, semmai li aiuterei a comprenderlo nel modo giusto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...