La storia di un mostro: Middlesex

Io oso e comincio con un voto: a questo libro assegno 5 palle su 5 (gli asterischi non suggeriscono grevi doppi sensi, quindi opto per le palle). Divertente, commovente, ironico, profondamente umano, mai banale: come potrei togliergli anche mezza palla?

Un ermafrodito racconta la sua storia (e non vi sto rivelando niente della trama); la storia di una somma trasgressione, ma una trasgressione capitata in sorte, e non per scelta;  la storia di un mutante, anomalo nella sfera più intima; e, per quanto non mi piaccia affatto questa verità, anomalo in una sfera che mette in dubbio l’essenza stessa di noi stessi, il nucleo di ciò che siamo.

O forse no. Perché Eugenides vede le cose in un altro modo; e racconta la storia di una famiglia, di un esilio, di uno sradicamento; e di come le generazioni siano figlie dei propri genitori, e di tutto il bozzolo di tradizioni, credenze, abitudini, malinconie, vizi, caratteri, e soprattutto cromosomi e geni, che i genitori e i loro genitori e i loro progenitori si portano dietro.

La tenerezza del racconto dei vecchi quando erano giovani è ovunque nel racconto, e le loro vite e le loro morti non sono mai prive di significato. Credo sia questo quello che ho amato di più di questo libro, il senso che dà alle vite e alle morti, un senso che allevia l’angoscia dell’essere mortali, e coltiva l’amore verso l’essere umani.

E poi c’è lui, o lei, il mostro. Questo mostro che non sa di esserlo, e che deve imparare ad esserlo; eppure, niente delle sue avventure, dei suoi dubbi, delle sue insicurezze, è fuori dal normale. Il suo viaggio attraverso il suo corpo che cambia, e nemmeno lui stesso capisce; la vergogna di sé; il senso di distanza dai coetanei; la solitudine; la paura e la curiosità del suo corpo; la confusione di fronte ad una trasformazione incomprensibile e fuori controllo; il timore di perdere tutto quando piano piano si innamora; la fatica di diventare quello che è.

Niente di questo travaglio è alieno ai non mostri. Quindi siamo tutti mostri; o nessuno è mostro.

Non so cosa sia vero, entrambe le verità sono bellissime da contemplare.

Il libro: Middlesex

L’autore: Jeffrey Eugenides

Bacino di utenza: un libro per gli amanti delle storie, quelle ben raccontate

Annunci

2 commenti

  1. Ho appena iniziato “la trama del matrimonio” sempre di Eugenides e ho sentito commenti entusiastici su questo Middlesex. Cominciamo molto bene 😉

    Mi piace

  2. Letto anni fa credo proprio su tuo consiglio! Bello davvero, le Vergini suicide mi è piaciuto molto meno mentre “La trama del matrimonio” non ho ancora letto, aspetto rece di Viviana!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: