Marco Lodoli: Sorella

Che la vivano gli altri, la vita, se ci tengono tanto, che si scontrino e si moltiplichino, che si diano appuntamenti e baci e spinte, che facciano tutto il rumore che serve per farsi notare, che chiedano per favore e voglio ancora. Che si facciano crescere le corna per caricare meglio. Io voglio avere il viso pallido delle suore, la loro grazia mansueta, grani freddi tra le dita” (pag. 8). Così Suor Amaranta spiega la sua decisione di entrare in convento, con la madre che la guarda “con gli occhi gelati dallo sgomento”.

Non è la chiamata di Dio ma la fuga dalla vita, la voglia di rifugiarsi e di scappare. E così Suor Amaranta invecchia in convento, è pervasa dai dubbi, guarda le sorelle che cantano le lodi a Dio con una sorta d’invidia.
Fino all’incontro con Luca, bambino introverso e taciturno, strano o speciale, inadatto o pietra preziosa, a seconda dello sguardo che si posa su di lui. Luca dirà a Suor Amaranta solo tre parole, parole che significano molto perché finalmente, dice la suora: “Avevo un compito, non potevo fallire, mi sentivo inadatta, sempre inadatta da quando sono nata, sempre a cercare un armadio in cui nascondermi.” Tre azioni che cambieranno radicalmente la sua vita, un incontro che sarà fondamentale per capire che bisogna saper chiedere, bisogna saper prendere, bisogna saper dare.

E niente sarà più come prima.

Questo libro mi è stato messo in mano da un’amica con un perentorio: DEVI LEGGERLO. E’ bellissimo e mai avrei pensato, da atea convinta quale sono, di immedesimarmi profondamente in una suora. La voglia di non partecipare alla lotta della vita, di guardare solo dall’esterno, la sensazione di essere sempre inadatti, la necessità di cercare un luogo in cui nascondersi, la sua verità piena di dubbi e di ripensamenti mi hanno fatto entrare profondamente in empatia con Amaranta. Mi sono sentita Suor Amaranta. E questo mi ha fatto sorridere…

Il libro: Sorella
L’autore: Marco Lodoli
Bacino d’utenza: chi si sente inadatto alla vita, per chi si sente spesso fuori posto, per chi spera di incontrare qualcuno che lo aiuti a saper chiedere, a saper prendere, a saper dare.

Annunci

4 commenti

  1. lo sai…se non avessi letto la recensione nemmeno ci avrei pensato a leggerlo…ma questa cosa del saper…vabbuo’ lo leggo e subito mi metto alla ricerca del mio lumicino!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...