La purga di Sofi Oksanen

Mi sono trovata questo libro fra le mani, quasi per caso, mentre cercavo un libro giallo nella mia libreria per alleggerire un po’ certe pagine del Saramago che sto leggendo.

Certo, un libro con un titolo così io non l’avrei mai comprato ma in questo caso devo ringraziare mio marito, tanto incline a comprare libri quanto a non leggerli.

la purga
La purga

La purga è un libro strano, non un giallo in senso stretto anche se è pervaso da un senso di sospensione e di suspance mentre a poco a poco si svelano le connessioni e le relazioni fra i personaggi del libro. La trama è un succedersi di salti temporali che ci trasportano dai primi anni 40, agli anni 80 fino al 92; seguendo il filo logico le vicende si chiariscono, i personaggi acquistano una visione a tutto tondo, la storia si schiude.

Ma questa è soprattutto una storia di donne, donne maltrattate e violentate che in un modo o nell’altro, ognuna secondo le proprie convenienze, riescono a rimettersi in piedi e a vivere una vita all’apparenza normale. E’ anche una storia di gelosie profonde e di vendette, di folli amori e di tradimenti.

Tutto il libro è ambientato in Estonia, paese che conosco solo superficialmente. Ma proprio il contesto storico mi ha spinto a cercare più notizie su questa nazione affacciata sul Mar Baltico, più legato come lingua e cultura alla Finlandia che le è proprio di fronte che alla Russia, che ne ha occupato per anni i territori.

Tutto sommato un buon libro.
Il libro: La purga
L’autore: Sofi Oksanen
Il bacino di utenza: credo sia più un libro al femminile, le protagoniste sono donne, le vittime sono donne, le traditrici sono donne. Un libro per chi non ha mai letto nulla sull’Estonia e vuole conoscere qualcosa di più del suo passato recente, fra resistenza ed invasione sovietica. Piccola curiosità: la scrittrice, molto nota nel suo paese d’orgine, è finlandese. L’Estonia è il paese d’orgine della madre.

Annunci

Un commento

  1. Bello, lo cercherò e lo leggerò…Mi ricorda un libro che ho letto a gennaio: Cuccette per signora, amaro, tristemente realistico e ambientato nell'India dei giorni nostri.
    Sono rimasta molto colpita, non me la sono sentita nemmeno di recensirlo, troppa empatia per i motivi che immaginerai! Comunque le donne vincono anche qui.
    Pensa che l'ho regalato a mia madre e dopo averlo letto è stata a bofonchiare fra sè e sè per giorni per poi alfine metterlo in posto in cui mio padre non possa trovarlo…come se non avesse abbastanza evidenze che M. è un sant'uomo! E così è, te lo dico io!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...