L’amore come la guerra: non sai se torni vivo, non sai se torni

Ancora un tenero libricino di Izzo , una raccolta brevissima, sette racconti in tutto. Facile da leggere, scorrevolissimo nel solito stile fluido e accorato che contraddistingue l’autore. Il titolo la dice lunga sul contenuto, e nessuno può tirarsi fuori dalla sensazione che a volte il corpo si logori più per il dolore interiore che per la fatica e gli stenti.
Due su tutte le storie più coinvolgenti. Vivere Stanca, il primo racconto, la ricerca dell’amore e della felicità. La protagonista li raggiunge a caro prezzo, per sé e per il suo amato.
Poi Cane notturno, la storia di un ex terrorista italiano che ha ricominciato una nuova vita, che ha scontato la sua pena e si gode il diritto alla felicità, e si ritrova a mormorare: “ E’ questa la mia nuova vita?”, stremato, alla fine del racconto. Non sarò verbosa, non è necessario. Il libro vale la pena di essere letto, ci vuole pochissimo, e al costo di 7.00 euro sarà ancora una volta possibile respirare un po’ di Marsiglia, un po’ di malinconia e tante emozioni.
Il libro: Vivere Stanca
L’autore: Jean Claude Izzo
Il bacino di utenza: Destinato a coloro che non dominano le pulsioni emotive e soprattutto non le temono. E poi, come dalla dedica di Izzo in seconda di copertina : “A coloro che sanno quanto vivere stanchi”
Annunci

3 commenti

  1. polimena · · Rispondi

    ma sai che questo libro ce l’ho e non l’ho mai letto? Ora mi ci butto a pesce anche perché ultimamente le mie letture mi stanno un po’ deludendo….

    Mi piace

  2. danielonda · · Rispondi

    Mentre stavo per comprare un libro di Silvia Plath nella genova piovosa e triste dello scorso lunedì, ho trovato questo libro ed ho deciso per un pessimismo meno cosmico e più accorato. Si legge in pochissimo tempo, quello di un viaggio in metropolitana, ed è in una forma che io trovo molto intensa, poche parole ma dritte a segno. Insomma…leggilo!

    Mi piace

  3. polimena · · Rispondi

    l’ho iniziato ieri sera e lo finirò questa sera. Bello, intenso, triste.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: