La termodinamica , il caos e l’equilibrio: Caos Calmo di Sandro Veronesi

 
Caos Calmo

Caos Calmo

Assumendo che l’intero universo sia un sistema isolato – ovvero un sistema per il quale è impossibile scambiare materia ed energia con l’esterno – il primo ed il secondo principio della termodinamica possono essere riassunti da un’unica frase:

l’energia totale dell’universo è costante e l’entropia totale è in continuo aumento
Il terzo principio della termodinamica può essere enunciato dicendo che è impossibile raggiungere lo zero assoluto con un numero finito di trasformazioni e fornisce una precisa definizione dell’entropia. L’entropia si può pensare come la misura di quanto un sistema sia vicino allo stato di equilibrio, o in modo equivalente come la misura del grado di disordine di un sistema. Il terzo principio afferma che l’entropia, cioè il disordine, di un sistema isolato non può diminuire. Pertanto, quando un sistema isolato raggiunge una configurazione di massima entropia non può subire trasformazioni: ha raggiunto l’equilibrio.
Non sono sicura che l’autore abbia pensato a tutte queste riflessioni quando ha scelto il titolo del libro, ma è certo che “Caos Calmo” non è un ossimoro in senso stretto, il livello di massimo caos è un livello di equilibrio e, scusate se è poco, la chimica fisica non mente.
Ho pensato subito all’entropia nel leggere il titolo e il concetto di disordine non mi è mai stato così chiaro come durante la lettura del libro. All’interno dello scritto c’è veramente tutto, dolore per la perdita, senso di colpa freudiano per la persona venuta a mancare, sindrome di peter pan, sesso sfrenato e un po’ spinto, egoismo, egocentrismo, riflessioni sociologiche sui comportamenti delle quarantenni moderne, insomma ce ne è per ben più di un solo libro. L’autore dà davvero l’impressione di avere molte cose da dire e devo dire che a voler mettere tutto insieme per forza non poteva fare un lavoro migliore. Il libro consente una lettura fluida e abbastanza coinvolgente, mi sento di consigliarlo con le dovute precauzioni.
Una nota a piè di pagina: ho letto molte critiche che accostano lo stile di Veronesi a quello di Ian McEwan tacciando spesso Veronesi di plagio. Diligentemente ho subito comprato un libro di McEwan e l’ho divorato per verificare alla fine che la similitudine tra i due è praticamente una bufala megalitica, ma può anche essere che non abbia fatto il confronto con il giusto scritto di McEwan.

L’autore: Sandro Veronesi
Il Libro: Caos Calmo
Il bacino di Utenza: Adatto a chi sta ancora aspettando la palla lanciata in alto giocando nel parco: è caduta giù da un pezzo, dobbiamo smettere di aspettarla (Dal libro Caos Calmo di Sandro Veronesi).
Annunci

3 commenti

  1. polimena · · Rispondi

    Mah, meno male che non assomiglia a McEwan che a me non riesce a piacere. E sì che, dopo che mi era stato consigliato infinite volte, ne ho letto uno, Lettera a Berlino. Non mi è piaciuto, anche se ricordo la crudezza di certe descrizioni. Allora ho dato la seconda possibilità, con Bambini nel tempo ma anche quello….sorprendente certo ma, insomma…
    p.s Danilea, stanotte ti ho sognato. Facevamo qualcosa assieme, come quando eravamo piccole. so che eri tu, ma non ricordo altro!!

    Mi piace

  2. danielonda · · Rispondi

    ti ricordi quando ti ho attaccato alla catena del cane con un passante delle bermuda e poi ti ho spinto in avanti facendotele rovinosamente strappare?rido ancora al ricordo ma non eravamo tanto piccole…15 anni?Forse mi hai sognato perchè sono stata 2 giorni a isola dovarese in provincia di cremona chè adolfo compiva 40 anni, hai avvertito vicina la mia entropica presenza!

    Mi piace

  3. polimena · · Rispondi

    già, ricordo benissimo, ora che mi ci fai pensare! Che ridere….
    Non sapevo che Adolfo vivesse da queste parti…40 anni, tra poco ci avviciniamo anche noi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

il blog di giampaolo simi

magari finirò a piantare ombrelloni come mio nonno. ma intanto faccio i mestieri più umili, quali lo scrittore e lo sceneggiatore

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: