L’amore, qualunque cosa significhi

L'amore qualunque cosa significhi

L’amore qualunque cosa significhi

La recensione di questo libro apparsa su Maxim recita: ”Così incredibilmente onesto riguardo a noi uomini che ci sembra quasi di essere spiati”, ed è per questo che mi sono decisa a leggerlo. L’autore ha un curriculum di tutto rispetto ed è stimolante immaginare che si può leggere un libro ed avere una visione onesta del puro e semplice, in senso letterale, modo di pensare maschile.

E allora si dia il via alla lettura, inizialmente lento e un po’ banale migliora dal secondo capitolo quando la faccenda si complica e il protagonista si mostra sempre più per come è: un uomo e non per questo è poco, intendiamoci. Polimena ha inserito in una recensione il concetto di identificazione in uno dei personaggi, concordo con il fatto che quando questo avviene la lettura si fa più fluida e piacevole. Bene, mi sono immedesimata in uno dei personaggi, se leggete il libro vi sembrerà di vedermi, ne sono sicura. La storia è molto intrecciata ed è davvero triste per me che difendo gli uomini contro tutto e tutti ammettere che è più che realistica e che la categoria si esprime nel racconto con l’apoteosi della purezza e della semplicità che amo attribuirle, e l’apoteosi della purezza e della semplicità purtroppo si sostanzia nell’idiozia raggiunta dal protagonista.
I personaggi femminili, invece, fanno un figurone, donne con le palle, coraggiose, autonome, arbitri del proprio destino e scienti delle proprie debolezze e delle proprie paure, capaci di portare fino alle estreme conseguenze le proprie scelte.
Bando alle ciance il libro è bello, è ambientato in un periodo vicinissimo a noi, quello in cui è avvenuto il tragico incidente in cui è morta la principessa Diana. Il racconto sfiora tantissimi argomenti, la medicina, la musica, il vino l’amore, la psicoanalisi, l’amicizia e la lealtà. Finisce dando soddisfazione alle vittime e punendo chi ha causato dolore ma a me è rimasta la sensazione, che si ha spesso, che chi rimane ha una magra consolazione e che forse, se avesse potuto scegliere, si sarebbe regolato altrimenti. 

Il libro: L’amore, qualunque cosa significhi

L’autore: David Baddiel

Il bacino di utenza: Quelli come me che ancora non sanno che per andare dove si deve andare bisogna andare nella direzione esatta, perchè a perdersi sono capaci tutti!
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Un blog che racconta libri per bambini e ragazzi, fumetti, film e app di qualità.

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

Stetofonendo

Libri (e non solo) in buona e in cattiva salute

trecugggine

le cugine parlano di libri

Materfamilias

materfamilias : mater|fami¦lias - The female head of a family or household

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Consigliere Letterario

L'avventura infinita di un lettore. E di chiunque voglia partecipare al viaggio

minimo

storia di una minimalista alle prime armi

Muninn

libri da ricordare

Instamamme

le cugine parlano di libri

BookBlister

PILLOLE DI LIBRI (E ALTRE STORIE)

lepaginestrappate

(La mia Masafuera)

RobertoLucchetti

Scienze Letteratura Sport...

LaVersionediMari

"Tonica, terza, quinta, / settima diminuita. / Resta dunque irrisolto / l'accordo della mia vita?" G. Caproni, Cadenza, 1972

Le librerie invisibili

Et tout le reste est litterature. Verlaine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: